Si pensa che il nome Baunei derivi dal greco “Bainos”, che vorrebbe dire “fornace per fondere i metalli o per cuocere la roccia calcarea per farne la calce”.

Il territorio di Baunei, uno splendido connubio di mare e montagna, è interessantissimo dal punto di vista costiero, con i suoi 40 km. di bastioni e falesie calcaree intervallati da piccole calette, estesa da S. Maria Navarrese a Cala Luna. Citando le più rinomate località, da sud s’incontra  l’Aguglia di pedra LOnga, Capo Montesanto, Portu Quau e Poertu Pedrosu, Cala Biriala, Cala Goloritzé, Ispuligidenie (Cala mariolu), Cala Sisine e Cala Luna; paesaggistico e naturalistico, con le sue valli carsiche, l’altopiano basaltico del Golgo con “Su Sterru”, che è la voragine più profonda d’Europa. “Margine”, caratteristico altipiano carsico; faunistico, con la presenza

di specie di prim’ordine come l’Aquila Reale, il Falco della Regina, il Gabbiano Corso, il Muflone, il Cinghiale, l’Astore, il Falco Pellegrino, l’Aquila del Bonelli, ecc.; speleologico, con la presenza di numerose grotte e voragini interessantissime, ubicate nell’entroterra lungo la costa, sia sotto sia sopra il livello del mare; storico, con testimonianze del passato che coprono tutti i periodi storici, con la scoperta di depositi antropozoici del periodo prenuragico, dei nuraghi, villaggi nuragici, fortezze e tombe dei giganti del periodo nuragico, insediamenti e monete dell’età imperiale e repubblicana, del periodo romano, la Chiesa medioevale di Santa Maria Navarrese e di Eltili, la Torre Spagnola, la Chiesa di Golgo.

Inoltre, per gli amanti del free climbing, le numerose falesie recentemente attrezzate offrono diverse possibilità di arrampicate in un ambiente unico e selvaggio, tra guglie, pareti a picco sul mare e paesaggi.